Tutte le profezie soddisfatte: l’OMS dichiara il coronavirus pandemia mondiale

Possiamo già dirlo, tutte le profezie si sono adempiute. È stato predetto dalla Bibbia, Nostradamus e persino Stephen Hawking. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha dichiarato questo mercoledì che l’epidemia di coronavirus è una pandemia, riconoscendo così ciò che era chiaro da tempo: il virus si sta diffondendo in tutti i paesi del mondo. E questo è solo l’inizio, poiché il presidente dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha riconosciuto che la situazione peggiorerà.

“Speriamo di vedere aumentare ulteriormente il numero di casi, il numero di decessi e il numero di paesi colpiti”, ha affermato Tedros.

A partire da mercoledì, 114 paesi hanno riferito che 118.000 persone hanno contratto COVID-19, chiamato anche SARS-CoV2, e circa 4.300 persone sono morte. Finora l’OMS è stata riluttante a considerare lo scoppio come una pandemia, tuttavia, il gran numero di casi segnalati in tutto il mondo ha costretto il suo status a cambiare.

“Descrivere la situazione come una pandemia non cambia la valutazione dell’OMS sulla minaccia rappresentata da questo coronavirus”, ha continuato Tedros presso il quartier generale dell’OMS a Ginevra. “Non cambia ciò che l’OMS sta facendo e non cambia ciò che i paesi dovrebbero fare”.

Allo stesso tempo, il presidente dell’OMS ha affermato che questa non è solo una crisi di salute pubblica, è una crisi che interesserà tutti i settori, quindi ogni settore e ciascun individuo devono partecipare alla lotta. Inoltre, questo è il primo coronavirus a raggiungere livelli di pandemia e non ne hanno mai controllato. Si ritiene che il virus, che probabilmente ha avuto origine in un laboratorio ad alta sicurezza, abbia iniziato a infettare persone a Wuhan, in Cina, a fine novembre o all’inizio di dicembre. Da allora, il virus si è diffuso in tutto il mondo.

L’OMS ha anche affermato che i paesi dovrebbero attuare una combinazione strategica di misure di contenimento e mitigazione. Il primo riguarda il tentativo di rilevare e arrestare le catene di trasmissione conosciute isolando i casi e seguendo e potenzialmente mettendo in quarantena i contatti. La mitigazione prevede passaggi a livello di comunità come il distanziamento sociale.

Tedros ha parlato della mancanza di risorse, capacità e risoluzione in alcuni paesi. Inoltre, alcuni esperti avvertono che alcuni paesi non si stanno muovendo abbastanza velocemente da prepararsi a rispondere in modo abbastanza aggressivo.

Tuttavia, questo non sarebbe il primo test dell’umanità per una pandemia. La morte nera nel 14 ° secolo uccise metà della popolazione europea. Nel 1918, l’influenza spagnola infettò un uomo su tre in vita all’epoca e morirono circa 50 milioni. E la pandemia di influenza suina del 2009 ha infettato dall’11 al 21 percento della popolazione mondiale, ma era molto meno mortale, con solo mezzo milione di persone che morivano. Secondo gli esperti, il COVID-19 è qualcosa di mai visto prima, che viene considerato dai medici come un’autentica guerra per la sopravvivenza dell’umanità.

Profezie realizzate

Per gli esperti del settore, tutte le profezie sono adempiute con la dichiarazione dell’OMS sulla pandemia. Come già pubblicato in MEP, Apocalisse 6 menziona i “sette sigilli” che hanno portato al ritorno di Gesù Cristo. I primi quattro sono chiamati “Quattro cavalieri dell’Apocalisse” e rappresentano l’inganno religioso, la guerra, la carestia e la malattia. Per quanto riguarda il quarto cavallo e il suo cavaliere, dice quanto segue: “E ho guardato, ed ecco, un cavallo verde; e quello seduto su di esso si chiamava Morte; e Ade lo seguì; e gli fu dato potere sulla quarta parte della terra, di uccidere con la spada, con la fame, con la morte e con le bestie della terra “.

Il passaggio è una personificazione delle epidemie di malattia e il cavaliere rappresenta la malattia che ucciderà “un quarto della terra”. Inoltre, nel “Vangelo di Matteo” si menziona anche che scoppi di pestilenza si verificherebbero prima del ritorno di Gesù Cristo: “Poiché la nazione sorgerà contro la nazione e il regno contro il regno; e ci saranno piaghe, carestie e terremoti in luoghi diversi ”(Matteo 24: 7-14).

Da parte sua, Nostradamus ha predetto una pandemia in una profezia ossessionante. In una delle sue quartine scrisse quanto segue: “La grande piaga della città marittima non cesserà fino alla morte del sangue giusto, condannato da un prezzo senza criminalità, alla vendetta della grande signora indignata dalla simulazione”. Molti sono convinti che il medico e l’astrologo francese stessero parlando della nuova pandemia.

E non potremmo porre fine alle profezie adempiute senza menzionare una delle menti più brillanti della nostra storia. Il fisico teorico Stephen Hawking predisse quasi 20 anni fa che un virus avrebbe posto fine all’umanità. Hawking ha assicurato in un’intervista a “The Daily Telegraph” che sarà un virus e non una bomba atomica a porre fine alla popolazione della Terra.

“Il pericolo è che, accidentalmente o volontariamente, venga creato un virus che distrugge la razza umana”, ha detto Hawking, convinto che gli umani non sopravviveranno nei prossimi 1.000 anni se non lasceranno la Terra per altri pianeti.

Queste sono alcune delle profezie adempiute con la dichiarazione dell’OMS, e ora dobbiamo solo conoscere il futuro che ci aspetta. A questo punto entriamo in un terreno inesplorato che secondo queste previsioni ucciderà milioni di persone. Anche se per i teorici della cospirazione è un modo per impiantare lo spopolamento del mondo e il Nuovo Ordine Mondiale, quindi la prossima cosa che verrà sarà l’eliminazione della valuta fisica e del marchio della bestia, l’impianto del microchip. Ma questa è un’altra storia che affronteremo in altre pubblicazioni, se ci lasci.

Stiamo vivendo la fine dei tempi? O stiamo partecipando al Nuovo Ordine Mondiale?

---------------------------------------------------------------

Alien Agenda non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicate né delle opinioni che in essi vengono espresse, ma hanno uno scopo puramente informativo. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e valutazioni personale.

Seguiteci anche sulla nostra pagina o sul gruppo Facebook.