Quasi 100.000 bambini vivi e morti sono stati trovati in un tunnel a New York

190614-N-OH262-1719 NORFOLK, Va. (June 14, 2019)--A view of the U.S. Navy Hospiltal Ship USNS Comfort (T-AH 20) as it gets underway from Naval Station Norfolk, June 14. Comfort got underway to begin its deployment to South America, Central America and the Caribbean in support of humanitarian and partner-building effort. (U.S. Navy photo by Bill Mesta/released)

Migliaia di bambini rilasciati a New York!

Quasi 100.000 bambini vivi e morti sono stati ritrovati in un tunnel che arriva fino alla Fondazione Clinton a New York!

Proprio ora e dalla scorsa settimana, migliaia di bambini affamati e terribilmente maltrattati sono stati trovati, purtroppo diversi morti e i vivi salvati in un tunnel sotterraneo a New York.
Questo tunnel si estenderebbe per una lunghezza di quattro chilometri tra il Clinton Foundation Building e il porto di New York!
È attraverso l’apertura sul porto di New York che bambini e cadaveri vengono caricati sulla nave medica Comfort.
Gli infermieri confermano il trattamento delle vittime infantili di orribili abusi all’Ospedale Campagne Corona a Central Park!

La nave medica “Comfort” è stata voluta lì a New York dal presidente Trump.
Una seconda nave medica, la “Mercy”, avrebbe la stessa missione, ovvero fornire assistenza ai bambini rapiti, vittime di orribili abusi e salvati dai tunnel, si trova nel porto di Los Angeles.
Gli sforzi di salvataggio sono sotto la direzione della task force anti-pedofilia del Pentagono.
Loro (i bambini maltrattati) vengono rimossi dai tunnel….. ci sono corpi impilati …
Non so se questo sia vero, ma un ragazzo ha detto che alcuni di questi corpi erano stati morsi (probabilmente dai topi!).
Si ipotizza che i bambini affamati e vivi abbiano mangiato i morti.
C’è anche un ospedale di Mash situato a Central Park per curarne alcuni.
New York sta chiedendo sacche per cadaveri; hanno stimato che ne erano necessari 100.000.
E’ stato stimato che avrebbero perso dal 4 al 6% delle vittime che avevano lasciato in vita perché troppo deboli.
Vi sono prove di torture orribili e abusi sessuali indescrivibili.
Molti sono stati educati in questo orribile modo e non hanno mai visto la luce del giorno.
Alcuni sono deformi, quasi tutti malnutriti.
Molti hanno bisogno di respiratori perché l’aria nei tunnel ristagna e non si rinnova.
Gli ufficiali che sono stati nei tunnel sono traumatizzati! Gli vengono forniti dei sacchi di vomito prima di entrare.

Judy Byington per Dinar Chronicles

Quais sicuramente tutti questi bambini servivano per produrre dell’Adrenochromo. QAnon dichiara che i minori verranno curati per primi (dopo la loro liberazione dai tunnel) prima della declassificazione dei file e dell’accusa di 160.000 persone con un atto accusatorio sigillato nei vari tribunali federali degli Stati Uniti Uniti!
Alla base di China Lake in California, 35.000 bambini ancora in vita sono stati liberati e trasferiti sulla nave ospedale ‘Mercy’ al porto di Los Angeles!
Altre liberazioni sono in corso in Florida e a Washington DC!
Fanno sapere che ogni anno spariscono oltre 800.000 bambini ed ora si è finalmente scoperto la fine che facevano, servivano a soddisfare i bisogni dell’elitè satanista che governa una gran parte del mondo e che si crede al di sopra di ogni legge, tanto da sacrificare numeri ingenti di bambini per i loro scopi.

Fonte: https://soundcloud.com/heath-motley-820983133/nurse-mentions-children-saved?fbclid=IwAR1y12ENVBl_aw4QSoBMVV9ZRtJMNW_1zKn7wXhbPjFPt1IxSTZ4HxipsbI
Condiviso da: https://interetpourtous2.blogspot.com/

---------------------------------------------------------------

Alien Agenda non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicate né delle opinioni che in essi vengono espresse, ma hanno uno scopo puramente informativo. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e valutazioni personale.

Seguiteci anche sulla nostra pagina o sul gruppo Facebook.