Piano Americano Top-Secret, Regole Militari Sotto Il Coronavirus

Di Joaquin Flores

Pubblichiamo questo pezzo tradotto da Eurasia Daily, sebbene sia semplicemente un riassunto dell’articolo di Newsweek dei primi di febbraio, linkato di seguito per la piena divulgazione. Nonostante l’accuratezza di questo rapporto sul giornalismo di Newsweek e l’accuratezza del nostro titolo – ci aspettiamo un’enorme censura e rischi associati a ciò, a seguito della nostra dedizione a informare il popolo americano durante questo periodo di grande preoccupazione e coercizione.

Riguarda la trasparenza e il giornalismo, il futuro della Repubblica degli Stati Uniti sotto una apparente governance costituzionale, – da e per il popolo -, di uno standard etico di rendiconto a cui teniamo molto.

Per favore, scusate alcune frasi imbarazzanti e l’europeizzazione dei termini della posizione del governo (ministero della difesa invece di dipartimento della difesa, ecc.), Come è inevitabile in una traduzione veloce

Se sei d’accordo che questo è qualcosa che i tuoi concittadini dovrebbero leggere, allora per favore condividilo in lungo e in largo. Da parte nostra, non possiamo pubblicarlo sui nostri account dei social media per ragioni che ormai sono probabilmente ovvie a voi tutti – J. Flores

Le autorità statunitensi stanno adottando misure pratiche per introdurre uno stato di emergenza in cui il potere può passare dai civili ai militari. Lo riporta un articolo di William M. Arkin pubblicato su Newsweek dal titolo “Exclusive: inside top-secret military plans in case the coronavirus cripples the government “.

PIANI MILITARI TOP SECRET IN CASO IL CORONAVIRUS PARALIZZI IL GOVERNO

Un articolo del Newsweek del 1° febbraio 2020, riportava che il Segretario alla Difesa americano Mark T. Esper ha firmato gli ordini che dirigono il NORTHCOM ad attuare piani nazionali per combattere la pandemia. Inoltre, il ministro Esper ha anche firmato segretamente ordini di avviso a, WARNORDs e NORTHCOM e unità militari subordinate della costa orientale degli Stati Uniti “per dispiegarsi a sostegno di potenziali missioni di emergenza”.

Piani di emergenza top-secret sono stati preparati non solo per proteggere la capitale del paese – Washington, ma anche per la possibile introduzione della legge marziale in una forma o nell’altra negli Stati Uniti. I piani includono azioni dell’esercito americano nel caso in cui “tutti i successori costituzionali siano incapaci”.

Vari piani, nome in codice Octagon, Freejack e Zodiac, prevedono la continuità del governo. Secondo questi piani di emergenza, il trasferimento di potere aggirale consuete procedure costituzionali per la successione del governo. Secondo loro, i comandanti militari possono assumere il controllo di determinati territori del paese o persino di tutta l’America.

Dopo l’attacco terroristico dell’11 settembre, il comando nord (NORTHCOM) è stato creato come parte delle forze armate statunitensi. Secondo il Joint Command Plan (UCP), la funzione NORTHCOM serve a:

– condurre operazioni per scoraggiare, prevenire e respingere le minacce e le aggressioni dirette contro gli Stati Uniti, i suoi territori e interessi all’interno della zona di responsabilità assegnata ;

– sotto la direzione del presidente o del ministro della difesa, fornisce assistenza militare alle autorità non militari, comprese le operazioni di gestione delle conseguenze .

È NORTHCOM che ha creato i tre piani di emergenza completi. Una pubblicazione di Neesweek afferma che il Comandante a quattro stelle Terrence J. O’Shaughnessy, è al comando di NORTHCOM, e nel caso di emergenza potrebbe farsi carico del governo degli Stati Uniti fino a quando “non verrà istituito un nuovo leader civile”. In sostanza, il Generale O’Shaughnessy è il potenziale sovrano militare durante un’emergenza. NORTHCOM ha sede a Colorado Springs.

Ora, in preparazione dello dispiegamento di operazioni di emergenza, il Pentagono ha imposto restrizioni senza precedenti alla partenza dei suoi subordinati fuori delle basi militari. Mercoledì scorso, ha limitato a 60 giorni la maggior parte dei viaggi militari stranieri, e venerdì ha emesso un ulteriore ordine interno che essenzialmente detiene tutto il personale militare del quadro presso o vicino alle basi militari. Naturalmente, ci sono eccezioni, anche per i viaggi “necessari per completare la missione”.

È stato inoltre dato l’ordine al Ministro della Difesa Esper e al suo vice David Norkvist di agire senza avere contatto fisico l’uno con l’altro per prevenire una situazione di incapacità simultanea di entrambi i leader militari. Altre agenzie di sicurezza nazionali seguono questo esempio. Gli specialisti della “continuità del potere” si preparano all’evacuazione del personale della Casa Bianca nel caso in cui il coronavirus inizi a colpire i suoi abitanti.

Esperti militari statunitensi sostengono che solo la distruzione di massa causata dall’esplosione di dispositivi nucleari, o enormi perdite possono essere causate da un “agente biologico”, è una situazione catastrofica che giustifica il passaggio a “azioni incostituzionali” e l’uso di piani di emergenza. Ma il potere straordinario dei militari può essere richiesto non solo nella situazione dell’uso di armi di distruzione di massa nelle città americane, ma anche nel caso di rivolte di massa e violenza in una situazione di “lotta per la sopravvivenza” con una carenza di mezzi di sussistenza .

Secondo le istruzioni del Dipartimento della Difesa, i comandanti militari hanno il diritto di agire in modo indipendente in situazioni di emergenza in cui “le autorità locali adeguatamente formate non sono in grado di controllare la situazione”. Queste “circostanze” includono “disordini civili su larga scala e inaspettati” associati a “perdita significativa della vita o distruzione insensata della proprietà”. Nell’ottobre 2018, i Chief Chief of Staff (JCS) hanno codificato queste regole, ricordando ai comandanti militari che possono prendere decisioni da soli e “assumere temporaneamente” il controllo militare in condizioni “quando il permesso preventivo del presidente non è possibile” o quando le autorità locali “Non sono in grado di controllare la situazione. “La nuova direttiva del Pentagono definisce questa situazione” situazioni estreme “.

Dopo l’11 settembre 2001, a Washington è stata istituita una commissione del governo bipartisan per esaminare le decisioni in una situazione in cui le autorità costituzionali statunitensi fossero state paralizzate. Tuttavia, questa commissione non è stata in grado di prendere decisioni pratiche e adottare nuove leggi per le situazioni di emergenza o la creazione di procedure di lavoro che consentirebbero operazioni di emergenza.

Ora il Governo Federale degli Stati Uniti non è pronto ad agire in una situazione in cui una pandemia colpisse proprio le persone alla guida dell’emergenza. Ecco perché per la prima volta, oltre a impegnarsi nella pianificazione delle conseguenze di una guerra nucleare, vengono prese in considerazione le procedure di emergenza per la continuità del potere, con il possibile trasferimento del potere dello stato ai militari. I piani affermano che il governo degli Stati Uniti continuerà a svolgere funzioni critiche in ogni circostanza, anche se svolti da un “secondo livello” di funzionari civili o sotto il comando militare ad interim.

In caso di emergenza, NORTHCOM ha preparato tre piani d’azione globali:

CONPLAN 3400, o piano militare di “difesa della patria”, se l’America stessa diventasse un campo di battaglia;

CONPLAN 3500, “supporto alle autorità civili” – questo avviene quando i militari aiutano le autorità civili in un’emergenza al di fuori delle condizioni di un attacco armato esterno alla nazione americana;

CONPLAN 3600, operazioni militari nella Regione della Capitale Nazionale e proseguimento del lavoro del governo, nell’ambito del quale sono previsti piani più segreti per sostenere la continuità del potere.

Tutti questi piani sono sotto la responsabilità del Comando Nord degli Stati Uniti (o NORTHCOM), Autorità militare di difesa nazionale creata dopo l’11 settembre. Il generale dell’aeronautica O’Shaughnessy è il comandante di NORTHCOM con sede a Colorado Springs.

Esistono sette piani segreti per prepararsi a queste missioni di emergenza. Tre di questi sono associati ai trasporti per trasferirsi e sostenere la Casa Bianca e il governo federale quando vengono evacuati e lavorano da strutture alternative.

Il piano Executive Mansion (o RESEM) si concentra sul salvataggio e l’evacuazione dei residenti della Casa Bianca. In particolare, il piano prevede una situazione in cui è necessario scavare i bunker con il personale, coperto di detriti della Casa Bianca.

Il secondo è chiamato Joint Emergency Evacuation Plan (JEEP) e fornisce trasporti al Segretario alla Difesa e ad altri funzionari della sicurezza nazionale in modo che possano lasciare rapidamente l’area di Washington.

Il terzo piano – Atlas prevede il trasferimento di leader non militari – la leadership del Congresso, della Corte Suprema e di altre figure importanti nei luoghi della loro ricollocazione di emergenza. Secondo il piano Atlas, verranno trasferiti in un bunker segreto e le strutture governative verranno trasportate nelle strutture del Maryland.

Altri tre piani: il quarto, il quinto e il sesto: Octagon, Freejack e Zodiac forniscono protezione in una situazione di completo collasso delle azioni del governo da parte di unità militari nell’area metropolitana di Washington, North Carolina e East Maryland.

Il settimo piano, nome in codice Granite Shadow, prevede operazioni domestiche di emergenza che prevedono l’uso di armi di distruzione di massa negli Stati Uniti. Come parte delle forze armate statunitensi, ci sono unità che sono costantemente in allerta, pronte a rispondere a un attacco terroristico o alla minaccia di armi nucleari.

La maggior parte dei piani di cui sopra sono stati testati durante gli esercizi annuali di Capital Shield. Negli esercizi dell’anno scorso, ad esempio, la situazione dell’attacco con l’uso di armi di distruzione di massa alla stazione della metropolitana è stata “fatta esercitazione”.

Il problema della continuità del governo e della protezione del presidente fu sollevato sotto la presidenza di Dwight Eisenhower (1953-1961), quando divenne possibile distruggere Washington a seguito di un attacco atomico. La necessità di intervento e decisione sull’uso delle armi nucleari e la loro sopravvivenza, anche in un attacco nucleare diretto, ha portato alla costruzione di bunker e alla preparazione di procedure segrete. Il prossimo per difendere il Congresso, o almeno la leadership del Congresso, è quello di garantire il mantenimento del potere costituzionale al successore. Quindi la Corte suprema è stata aggiunta a questo gruppo di autorità di crisi.

Fino all’11 settembre 2001, la continuità del potere e i programmi di emergenza si sono estesi oltre la preparazione nucleare, soprattutto dopo che gli uragani hanno iniziato a avere un impatto devastante sulla moderna società urbana. A causa dell’emergere di pandemie, anche le istituzioni civili responsabili della sicurezza nazionale, come il Ministero della sanità e i servizi sociali, sono stati chiamati a fornire protezione continua in caso di emergenza.

Ma, nonostante i piani ben preparati e gli esercizi in corso degli ultimi tre decenni, gli attacchi dell’11 settembre 2001 sono diventati un serio test per le procedure di emergenza adottate. Molte procedure scritte su carta sono state ignorate o gettate nella spazzatura. Di conseguenza, il problema ha ricevuto un nuovo sviluppo nel Department of Homeland e in altre agenzie di sicurezza nazionali statunitensi. È stato creato un nuovo sistema, pronto in caso di attacco terroristico senza preavviso. I bunker, molti dei quali furono chiusi dopo la fine della guerra fredda, sono stati riaperti e ampliati. Lo scenario pianificato più straordinario prevede un attacco terroristico che implicherebbe l’uso di un dispositivo nucleare o la contaminazione radioattiva di isotopi in una grande città americana.

Lo scenario di attacco terroristico ha dominato fino al 2006, seguito da una reazione del governo all’uragano Katrina a New Orleans. Le istituzioni civili in 50 stati e comunità locali, specialmente nelle grandi città, hanno iniziato a sincronizzare la preparazione alle emergenze con i comuni protocolli federali.

Il governo a tutti i livelli ha attualmente ampi programmi di “continuità di potere” per rispondere a catastrofi naturali o provocate dall’uomo. Nel luglio 2016, il presidente Barack Obama ha firmato la direttiva presidenziale segreta n. 40 sulla “politica di continuità nazionale”, definendo le “funzioni fondamentali” che le istituzioni pubbliche devono proteggere e preservare. Al livello più alto sono le funzioni nazionali più importanti, quelle che garantiscono il “funzionamento continuo” del governo in conformità con la Costituzione. Per preservare il dominio costituzionale, ai dipartimenti governativi è ordinato di fornire non solo una linea di continuità del potere (cioè dal presidente al vicepresidente, ecc.), Ma anche una linea di “devoluzione” – cioè una catena di duplicazione delle persone coinvolte nel lavoro in caso di catastrofica emergenza. Direttiva federale sulla successione n. 40, emessa pochi giorni prima che Donald Trump divenisse presidente, afferma che deve stabilire “procedure per il trasferimento dell’autorità statutaria e dei doveri” a questo personale incaricato secondario per mantenere le funzioni di base dello stato.

“Il trasferimento di autorità può essere temporaneo o lungo”, afferma la direttiva n. 40. Stabilisce inoltre che il personale designato per il trasferimento del potere dovrebbe trovarsi in una “area geograficamente dispersa non interessata dall’incidente”. Come si è scoperto, una tale condizione non può essere osservata ora con l’attuale diffusione dell’epidemia di coronavirus negli Stati Uniti.

Dopo l’uragano Katrina del 2006, nessun singolo stato di emergenza ha costretto nessuno stato a cercare assistenza militare federale secondo le procedure stabilite. Le stesse forze di polizia locali sono diventate più capaci nelle operazioni di emergenza acquisendo attrezzature militari, armi e ricevuto addestramento necessario. I governatori dello stato hanno lavorato insieme per rafforzare la Guardia Nazionale, che può far rispettare la legge nazionale in situazioni di crisi. L’attuale disponibilità a schierare un esercito federale per fornire un’emergenza è un esperimento straordinario.

---------------------------------------------------------------

Alien Agenda non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicate né delle opinioni che in essi vengono espresse, ma hanno uno scopo puramente informativo. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e valutazioni personale.

Seguiteci anche sulla nostra pagina o sul gruppo Facebook.