L’archeologo afferma di aver trovato una piramide nascosta sotto le sabbie di Saqqara

Un archeologo egiziano crede di aver scoperto il sito di una nuova piramide dopo aver esplorato il deserto di Saqqara.

Dr. Dobrev (a destra) con Tony Robinson

Pieno di tombe, il sito fungeva da necropoli per l’antica capitale egiziana di Menfi e ospita numerose piramidi, tra cui la famosa piramide a gradoni di Djoser.

Il dottor Vasko Dobrev ha trascorso gli ultimi tre decenni a fare ricerche in quest’area a soli 30 chilometri dalle famose piramidi di Giza.

Alcuni mesi fa, le sue scoperte sono state rivelate durante il documentario Opening Egypt’s Great Tomb, trasmesso nel Regno Unito su Canale 5.

“Ho viaggiato per più di 400 miglia a nord di Assuan, ma questa non è una visita turistica”, ha detto Tony Robinson, conduttore del documentario.

“Il dottor Vasko Dobrev ha lavorato nel deserto fuori dal Cairo negli ultimi 30 anni ed è a caccia di una nuova piramide”.

“Spesso pensiamo solo alle famose piramidi di Giza, ma questo posto chiamato Saqqara ha la prima piramide e molte altre”.

“Le piramidi qui abbracciavano sei secoli di storia egizia, ma una dinastia di faraoni, in particolare, scelse di costruire le loro magnifiche tombe a Saqqara”, ha aggiunto nella sua introduzione.

Il dottor Dobrev ha sorpreso Robinson spiegando come numerose piramidi potrebbero essere nascoste sotto la sabbia.

Ci sono circa 120 piramidi in tutto l’Egitto. I faraoni costruirono piramidi qui perché Saqqara è esattamente di fronte alla capitale egiziana, Memphis “, ha detto Dobrev.

Vedi questa piccola piramide? Questa è Pepi II, suo padre è qui, il bisnonno è dietro di lei e tutta la famiglia è vicina ».

La coppia si è poi diretta in cima a un altopiano piatto dove il dottor Dobrev crede sia il sito di una piramide sconosciuta.

“Forse abbiamo [sotto di noi] il faraone Userkare, non ha regnato a lungo, forse tre o quattro anni. Non poteva finire una piramide alta 52 metri in tre anni.”

“Potrebbe aver avuto solo il tempo di creare la base della piramide”, ha detto l’archeologo a Robinson.

“Siamo a una buona altezza, abbiamo scoperto che tutte le piramidi di Saqqara sono allo stesso livello.”

Ha poi rivelato le prove a sostegno della sua affermazione. Il dottor Dobrev ha notato che il georadar aveva trovato qualcosa di potenzialmente artificiale nascosto sotto le sabbie:

Quindi c’è una specie di livello piramidale e abbiamo suo padre a nord, suo figlio è lì e suo nipote è dietro di noi. Ma abbiamo qualcos’altro, la nuova tecnologia, la geofisica, mostra qualcosa con angoli retti.

“Questo non è fatto naturalmente, abbiamo una specie di quadrato qui, 80 per 80 metri, che è esattamente la dimensione delle piramidi di quel periodo.”

Al di là di questa rivelazione – che risale a diversi mesi fa – non vi è ancora alcuna indicazione di piani futuri per scavare l’area in cui sarebbe situata la presunta piramide.

Tuttavia, con la recente spinta a indagare e portare alla luce i segreti della necropoli di Saqqara, potrebbe esserci speranza che presto ne sapremo di più.

Fonte: ufo-spain.com

---------------------------------------------------------------

Alien Agenda non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicate né delle opinioni che in essi vengono espresse, ma hanno uno scopo puramente informativo. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e valutazioni personale.

Seguiteci anche sulla nostra pagina o sul gruppo Facebook.