La forza spaziale americana hai già la tua prima arma offensiva

L’USSF (US Space Force) ha ricevuto il suo primo “giocattolo mi9litare” spaziale.

Non è né un laser né un razzo, ma un bloccatore satellitare: un’apparecchiatura che impedisce la comunicazione del nemico.

Il sistema, noto come Block 10.2 del Counter Communications System (CCS), è stato consegnato alla base aeronautica di Peterson in Colorado, dove si trova il quarto squadrone delle forze spaziali statunitensi.

Le caratteristiche tecniche del sistema sono classificate, è noto solo il suo scopo: bloccare la trasmissione di dati tra i satelliti di comunicazione militari e i loro ricevitori di terra.

Una delle soluzioni più semplici per neutralizzare i satelliti di comunicazione nemica sarebbe quella di abbatterli in caso di conflitto militare “, suggerisce il portale.

Tuttavia, il problema è che i satelliti militari sono in orbite troppo alte per essere raggiunte dalla Terra.

I satelliti geostazionari si trovano ad un’altitudine di 36.000 chilometri o più.

Invece di spendere tempo e denaro nello sviluppo di armi contro i satelliti, è molto più facile “spegnerli”, suggerisce Popular Mechanics.

Per questo, il sistema blocca le bande radio più utilizzate, privando il nemico della possibilità di ricevere avvisi di attacco missilistico e condurre videoconferenze.

L’esercito russo ha equipaggiamento simile. Il sistema di interferenza elettronico mobile Tirada-2S è progettato per bloccare le comunicazioni satellitari.

Non si sa molto a riguardo: il sistema funziona montato su due camion KamAZ.

Il sistema Tirada-2S determina i parametri dei canali di comunicazione satellitare nell’area di funzionamento e interferisce con essi.

---------------------------------------------------------------

Alien Agenda non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicate né delle opinioni che in essi vengono espresse, ma hanno uno scopo puramente informativo. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e valutazioni personale.

Seguiteci anche sulla nostra pagina o sul gruppo Facebook.