Adulterio di terzo tipo

Nel 2013, il sito  cnews.fr riferi come Simon Parkes , un istruttore di scuola guida a Whitby Town, una città canadese sulle rive del lago Ontario, non lontano da Ottawa avesse avuto una relazione extraconiugale con un’aliena con la quale  non riuscì a ottenere le stesse soddisfazioni sessuali vissute con la moglie umana .
Padre di tre figli , membro attivo del consiglio comunale di Whitby Town, Simon Parkes si dimostrò un uomo particolarmente imbarazzato .
Quando sua moglie scoprì la sua ultraterrena relazione amorosa con un’aliena  si dimostrò subito poco disposta ad accettarla.
Va detto che la signora Parks aveva tutti i buoni motivi per essere infelice. Secondo The Northern Echo , oltre alle relazioni sessuali che il protagonista avrebbe avuto con una piccola donnina verde , al ritmo di quattro volte l’anno, egli sarebbe diventato padre di una piccola creatura, metà uomo  e metà extra-terrestre  di nome Zarka.
All’epoca,la moglie trascurata  cerco’ di  costringere il marito a porre fine a questo osceno adulterio di terzo tipo.
Tuttavia, Simon Parkes non comprese la ribellione della sua arrabbiata consorte:
Questa incredibile storia non si e’ svolta a misura d’uomo, motivo per cui non vedo cosa c’era di male “, si e’ giustificato l’uomo.
A coloro che lo considerarono pazzo o mitomane, Simon Parkes rispose che moltissimi umani vengono costantemente avvicinati dagli alieni con i quali intrattengono relazioni di diversa natura e che pochissime persone osano dirlo, per paura di rovinare la propria carriera o la propria vita familiare.

---------------------------------------------------------------

Alien Agenda non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicate né delle opinioni che in essi vengono espresse, ma hanno uno scopo puramente informativo. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e valutazioni personale.

Seguiteci anche sulla nostra pagina o sul gruppo Facebook.